Blog: http://ilMaLe.ilcannocchiale.it

Che la saga fantasy del Portatore di Tenebra abbia inizio

Titolo: Il portatore di tenebra. La guerra della falce. La luce del cielo
Autore: Aislinn
Anno: 2008
Prezzo: 9 €
Casa Editrice: EdiGio'



Il demone Vastarath appare ad Agarm in terre desolate. Agarm diventa così Vikranor, il Portatore di Tenebra. Vikranor inizia a convocare tutti i Vastamaen, i Caduti, i Maledetti. L'obiettivo è uno solo: fare guerra al Silor e alla città di Erea. A testa dell'armata di soldati stanno il giovane e impavido Evar e l'asperto e tetro Snorraka. A Erea sembra iniziare a sentire il vento della guerra. In epoche passate i Vastamaen avevano attaccato il Silor con guerre protrattesi negli anni. A Erea il re Denor e la regina Kayra, con la terzogenita Goneril attendono l'arrivo dei due figli Andre e Wil, fuori per un'escursione a cavallo. Lo stregone bianco di Erea Tharandyr sembra aver fiutato la minaccia incombente e il ruolo tragico che giocherà nella vicenda Andre, il primogenito ed erede al trono. I due ragazzi arrivano nella città. Dopo abbracci con i familiari, Andre sente il bisogno di cavalcare in solitudine per le sue terre. Andre è turbato per il sentimento che per lui prova la giovanissima Katlena. Ma forse c'è dell'altro. Intanto i Vastamaen attaccano la prima città del Silor e massacrano i suoi abitanti. La guerra tra i portatori di tenebra e le forze di Erea è iniziata.
Non sono un grande conoscitore di letteratura fantasy. Da ragazzino mi ero affezionato per un breve periodo della mia vita ai libri-games. Ora mi accosto a questo genere, che ha dato vita a saghe di grande valore culturale e tanta lettura di evasione. L'accostamento lo devo all'autrice della saga I
l Portatore di Tenebra: Aislinn. Dietro questo pseudonimo si cela un'amica blogger; una giovane autrice che si è immersa in questo genere letterario. Il primo capitolo della sua saga lo si legge in una volata. Può sembrare un qualcosa di già letto, ma sicuramente lascia venire la voglia di sapere come seguiranno i fatti nel capitolo successivo. I personaggi sono descritti con i giusti tratti essenziali: siamo all'inizio e dobbiamo sapere con chi abbiamo a che fare. Questo fantasioso medioevo popolato da elfi, cavalieri, demoni e assassini è sicuramente credibile e lascia una parvenza di inquietudine. La  classica guerra tra bene e male inizia alla fine del libro. E' l'ennesima sfida tra queste due forze che hanno contraddistinto l'avventura e tutto il materiale culturale che ci è girato attorno. Da un lato c'è la gioiosa città di Erea, con le baruffe amichevoli tra due fratelli. Dall'altro abbiamo dei cavalieri ansiosi di vendetta e di spargimenti di sangue. La chiara giornata di un castello viene contrapposta al buio della tenebra. Quella tenebra che anima i rinnegati guidati dal demone Vastarath. Agli amanti del fantasy e agli amici della scrittrice Aislinn questo serie di libelli potrà senz'altro piacere. Per chi volesse conoscere l'autrice Aislinn, il suo blog è http://aislinn.ilcannocchiale.it/

Ma.Le.

Pubblicato il 4/4/2009 alle 21.23 nella rubrica La taverna dell'artista.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web